Santa Maria di Sala, un consorzio per crescere

Scritto da il 5 giugno 2013 alle 18:48
santamaria VILLA_FARSETTI (2)

Villa Farsetti

L’amministrazione comunale ha approvato un Piano Strategico per aiutare e sviluppare le imprese del territorio sostenendo e patrocinando la nascita di un Polo tecnologico ed industriale. Questa rete di imprese, potenzialmente composta anche da tutte quelle salesi, si raggrupperà in un Consorzio che sarà diretto dagli imprenditori stessi, secondo i loro obiettivi e senza perdere di vista le finalità e gli scopi istituzionali che hanno determinato questa unione. Gli obiettivi sono: valorizzare il territorio e le sue imprese, costruire la crescita economica, sostenere le politiche del lavoro in tutte le sue forme senza dimenticare chi oggi soffre ed è in difficoltà per la mancanza di certezze in ambito lavorativo. Il comune ha creato le condizioni per un possibile sviluppo ma dovranno essere gli imprenditori a decidere autonomamente e liberamente quali obiettivi darsi e quali strade percorrere. “Il vantaggio che ha il neo consorzio è di essere una scatola vuota, tutta da riempire come meglio credono gli imprenditori con contenuti, idee e soprattutto mettendo a fattor comune le esperienze già vissute di alcune nostre realtà che respirano le opportunità dei mercati internazionali – dice l’assessore alle attività produttive Gabriele Ragazzo – è  ovvio poi che più aziende aderiranno più sarà possibile sviluppare, con economie di scala, piani e azioni di crescita mirati e di sicuro successo”. L’amministrazione comunale sostiene il Consorzio mettendo a disposizione il complesso di Villa Farsetti quale sede di rappresentanza e sede degli uffici comunali per lo sviluppo economico del territorio. “Villa Farsetti è un patrimonio unico assieme alla zona artigianale industriale che abbiamo a disposizione e che ha bisogno di vestirsi a festa per farsi conoscere oltre i confini locali – conclude l’assessore Ragazzo – si deve incoraggiare ed attrarre risorse da più fronti sia per un proprio sostentamento sia per restituire al territorio quel valore che nasconde nella sua storia e nelle sue pietre. Abbiamo ritenuto necessario riconoscere formalmente con un atto l’importanza della nostra zona industriale che ricordo essere la seconda della provincia di Venezia per dimensioni e numero di occupati, così con la deliberazione di giunta comunale n. 23 del 15.02.2013 ha individuato le aziende dei settori primario secondario e terziario del territorio con lo scopo di aggregarle e riconoscerle in un vero e proprio Polo tecnologico industriale”. Il progetto è partito dall’idea di aggregare le imprese di una determinata area geografica e nello specifico quella delle 6 frazioni che costituiscono il territorio salese, al fine di sviluppare e ottimizzare le risorse e le eccellenze presenti nel territorio stesso, questo per far si di poter affrontare in sinergia la difficile e lunga fase congiunturale la cui fine stenta a vedersi.